CHE COSA C’ERA TRE SECOLI FA NELL’AREA SULLA QUALE OGGI SORGE L’EDIFICIO DOVE HA SEDE IL COMUNE DI CAPENA

Nel catasto di Leprignano del 1703 Andrea Carderi assegna per Girolama Gemma sua moglie “una vigna posta accanto la chiesa di San Bastiano da un’altra parte Luca Barbetta da un’altra parte la strada comune” (c. 394v). Poiché la chiesa di San Sebastiano, nel corso del tempo condedicata a San Luca, sorgeva dove oggi ha sede il Centro Sociale Anziani, mentre la proprietà di Luca Barbetta, altro confine della vigna di Girolama Gemma, è quella che poi confluirà nei beni della Cappellania Olivari, parte dei quali (tra cui appunto l’appezzamento con casa padronale avente entrata dall’odierna via Piave) perverrà alla famiglia Palmerini, è quantomai probabile che questa vigna, bene dotale di Girolama Gemma in Carderi, sita tra l’odierno Centro Sociale Anziani e l’odierna proprietà Palmerini che si estende da un lato lungo l’odierna via Piave, insistesse laddove oggi si trova l’edificio dove ha la propria sede il Comune di Capena (per essere precisi, l’area di sedime del palazzo municipale dovrebbe costituire parte del terreno sul quale si trovava quella vigna).

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in CHIESA DI SAN SEBASTIANO, CHIESA DI SAN SEBASTIANO E SUOI CONFINI. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...