VALLE VOLPINA COME TOPONIMO RURALE CAPENATE

Con atto rogato il 26 luglio 1880 da un notaio castelnovese, Costantino Pietronzini del fu Bartolomeo, nato e domiciliato a Leprignano, vende al possidente Domenico Barbetti di Angelo, nato e domiciliato a Leprignano, un castagneto ceduo in vocabolo Valle Volpina, esteso 6.460 metri quadri, pari ad una quarta, uno scorzo e due quartucci di misura locale, confinante con altro terreno vigneto e castagneto ceduo che rimane di proprietà dello stesso Pietronzini, con Paolo Laura, con Giovanni Raffi, con gli eredi Santini e con il territorio di Morlupo.
Con atto rogato il 26 agosto 1880 da un notaio castelnovese, Luciano Alei fu Antonio, nato e domiciliato in Leprignano, vende a Cesare Cammerinesi fu Luigi, nato e domiciliato in Morlupo, un appezzamento di terreno seminativo, pascolivo e con bosco, in vocabolo Valle Volpina o Monte Picchioni, esteso tavole censuarie 20 e centesimi 45, pari a poco meno di un rubbio di misura romana, distinto nel cessato catasto di Capena con il numero 1683, subalterni 1 e 2, della sezione seconda di mappa di Capena, confinante con il territorio di Morlupo, con Matteo Alei, con Giovanni Raffi e con “tal Pietronsini”. Il terreno compravenduto è pervenuto al venditore “per morte del di lui genitore deceduto fin dal 1828”.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in VALLE VOLPINA. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...