ENFITEUSI DI UNA GROTTA A LEPRIGNANO

Con atto rogato il 12 gennaio 1727 da un notaio morlupese, il leprignanese Bernardino Rossi, figlio del fu Marco Antonio, concede in enfiteusi perpetua al morlupese Arcangelo Rota una grotta posta “foris terram Lepriniani” (cioè fuori della terra di Leprignano, da intendersi nel senso di “fuori del centro abitato di Leprignano”) in un luogo la cui denominazione è lasciata in bianco nel testo dell’atto. La grotta concessa in enfiteusi confina da una parte con i beni del concedente (cioè di Bernardino Rossi) e davanti le passa una via pubblica.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in GROTTE A LEPRIGNANO. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...